Carrefour, il fallimento di un modello

www.resistenze.org – osservatorio – economia – 08-02-18 – n. 661

carrefour_con_carrello_01

Romain Gelin | investigacion.net
Traduzione di Enzo Pellegrin per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

02/02/2018

Il gruppo della GDO Carrefour ha annunciato una ristrutturazione di livello mondiale che andrà a toccare diverse migliaia di lavoratori nel gruppo. Una panoramica dei dettagli di questo piano e degli sviluppi nel settore. Un’analisi di Mirador – Osservatorio critico delle multinazionali.

Il gruppo Carrefour è uno dei pionieri della grande distribuzione organizzata (GDO) in Europa.

Nel 1963, il marchio fu tra i primi a imbarcarsi in un nuovo formato già esistente negli Stati Uniti, quello dell’ipermercato. Questo tipo di negozio offre un’ampia varietà di prodotti sotto lo stesso tetto, ampi parcheggi per i clienti e alcuni prezzi più bassi (soprattutto il carburante); una rivoluzione al tempo dell’avvento del consumo di massa.

Gli ipermercati, con un’area di oltre 2.500 mq., sono generalmente situati alla periferia delle città e sono spesso associati a gallerie commerciali che offrono servizi complementari e partecipano all’attrattiva dei luoghi. Il modello venne sviluppato negli anni ’70 con successo. Grandi volumi di acquisto consentono ai rivenditori di imporre le loro condizioni ai fornitori e offrono i prezzi migliori al consumatore.

Un formato in declino

L’ipermercato ha conosciuto la sua età dell’oro negli anni ’80 e ’90: nei primi anni 2000, oltre il 51,8% degli acquisti di prodotti alimentari francesi è stato effettuato negli ipermercati rispetto al 37,5% del 1980 [1]. Allo stesso tempo, i supermercati, che vedono competere con loro i marchi hard discount, tendono anche ad aumentare la loro superficie, a spostarsi verso l’alto e ad ampliare la loro gamma di prodotti, a loro volta in competizione con gli ipermercati.

Il modello dell’ipermercato raggiungerà la saturazione a cavallo degli anni 2000, specialmente nelle economie mature, dove i livelli di consumo non sperimenteranno più la crescita esponenziale degli anni ’60 e ’70.

Dal punto di vista della redditività per i retailers, l’ipermercato non è il formato più redditizio in termini di spazi commerciali: il fatturato per metro quadrato è generalmente inferiore negli ipermercati rispetto ai punti vendita di prossimità o rispetto ai supermercati. La crescita delle vendite si sta verificando in questi ultimi due formati mentre gli ipermercati sono in stagnazione [2].

La crisi del modello dell’ipermercato si ritrova anche nella crescente disaffezione dei consumatori per questo tipo di formato, spesso considerato freddo e impersonale.

La crescente concorrenza dei negozi specializzati e dell’e-commerce (Amazon in testa), che offrono assortimenti più ampi della grande distribuzione tradizionale e servizi di consegna efficienti, ha avuto anche un ruolo nel relativo declino  delle megasuperfici generaliste (che offrono cibo e non alimentari).

Ci sono molte ragioni per spiegare la perdita di popolarità di questo modello di business: i consumatori sono sempre più riluttanti ad affrontare il traffico e consumare energia per andare negli ipermercati, con un tempo medio impiegato per lo shopping troppo lungo nei negozi che dispongono  da 300 a 400.000 referenze rispetto ai negozi di prossimità con assortimenti più piccoli…

Negli ultimi vent’anni i ripetuti scandali agroalimentari (mucca pazza, uova al fipronil, carne di cavallo, pollo alla diossina, grani germinati e batteri di escherichia coli, latte contaminato da salmonella, ecc.) hanno contribuito alla perdita di immagine dei supermercati, il principale luogo di vendita dei prodotti incriminati.

Tuttavia, il gruppo non intende separarsi dai propri ipermercati, uno dei marchi commerciali di Carrefour. Questi rappresentano ancora quasi la metà del suo fatturato e rimangono un elemento importante per mantenere la sua quota di mercato.

Gli ipermercati, per i volumi di beni che rivendono, hanno anche un impatto sulla capacità del gruppo di ottenere condizioni commerciali favorevoli dai fornitori. Infatti, più grandi sono i volumi acquistati dai distributori, più si è in grado di negoziare prezzi più bassi con i fornitori, che dipendono sempre più dai loro clienti [3]. Le recenti manifestazioni nel settore agricolo, in particolare nel settore del latte, hanno riguardato soprattutto i prezzi negoziati dalla grande distribuzione (e dalle industrie agroalimentari).

La stratégia “Plassat”

Nel 2007, l’arrivo dei nuovi azionisti di Colony Capital, un fondo di investimento anglosassone, e di Bernard Arnault (ancora principale azionista del gruppo) coincide con un rafforzamento del requisito di redditività dei fondi propri (*) dell’azienda. Tra il 2007 e il 2009, gli utili (profitti) realizzati dal gruppo Carrefour crollano da 2,2 miliardi di euro a 327 milioni.

Viceversa, nello stesso periodo, la quota di questi stessi utili distribuiti agli azionisti, i dividendi, continua ad aumentare. Nel 2009, la quota degli utili distribuiti agli azionisti ha raggiunto il 229%.

Come può un’azienda distribuire profitti che non genera? Ad esempio, vendendo le azioni della società. Carrefour riduce la sua dimensione aziendale e l’occupazione per soddisfare i suoi azionisti.

Grafico 1. Carrefour: profitti e dividendi

Fonte : Mirador-multinationales.be

Come mostrato nel secondo grafico qui sotto, l’occupazione nel gruppo Carrefour è passata da 495.287 lavoratori nel 2008 a 364.969 nel 2012. Vendite di filiali o chiusure di negozi in tutto il mondo, il marchio francese ha ridotto la sua portata e il costi per aumentare il suo standard di redditività. L’indebitamento del gruppo rimane un freno per attirare nuovi investitori.

Grafico 2. Carrefour: occupazione totale

Fonte : mirador-multinationales.be

La destrutturazione sarà quindi al centro della strategia di Georges Plassat, predecessore di Alexandre Bompard a capo del gruppo francese tra il 2012 e il 2017. Per fare questo, Carrefour venderà o chiuderà i suoi negozi in paesi in cui non è il numero uno. La multinazionale francese lascia la Colombia, la Grecia e si ritira dalla Turchia.

Grafico 3. Carrefour: indebitamento a lungo termine

Fonte : mirador-multinationales.be

Questa strategia, che mira ad attirare nuovi investitori, non sembra dare i suoi frutti nel lungo periodo. In effetti, dopo un miglioramento di due anni, l’utile del gruppo è diminuito nuovamente dal 2014 (Grafico 1).

Bompard corre ai ripari!

Nel luglio 2017, Georges Plassat lascia il posto ad Alexandre Bompard, plurititolato, ex consigliere di François Fillon al Ministero del Lavoro, passato da Canal +, ex CEO di Europe 1 e Fnac che recentemente si è fusa con Darty. Solo sei mesi dopo il suo arrivo, Alexandre Bompard presenta un primo piano di ristrutturazione per il gigante della distribuzione.

Viene educatamente definito un “piano di trasformazione” ed è in effetti una ristrutturazione importante volta principalmente a ridurre i costi del distributore e la sua massa salariale e a concentrarsi sulle attività più redditizie come i prodotti freschi, i prodotti “bio” ed i prodotti a marchio proprio. La strategia di Bompard non è così diversa da quella del suo predecessore.

Oltre a queste misure, vi sarà l’abbandono di 273 magazzini Dia in Spagna (che saranno messi in vendita o chiusi) e il desiderio del gruppo di aumentare il suo sviluppo nelle aree in crescita: Brasile, Argentina e Cina in particolare, dove il gruppo ha stretto una partnership con Tencent e Yonghi, un gigante di internet cinese e uno specialista in prodotti freschi e piccoli formati di distribuzione.

Il gruppo spera di risparmiare quasi due miliardi di euro entro il 2020, che prevede di reinvestire nel commercio online e nei nuovi formati di prossimità; dove i costi fissi sono meno importanti e i margini sono alti.

Sebbene la dismissione di 2.300 posti di lavoro presso la sede centrale del Gruppo sia stata chiaramente annunciata, il CEO di Carrefour non ha fornito dettagli sugli effetti di questo piano sull’occupazione complessiva del gruppo.

In Francia, oltre ai 2.300 licenziamenti annunciati, sarebbero in pericolo quasi 5.000 ulteriori posti di lavoro [4], in particolare negli ipermercati, che vedranno la loro superficie ridursi. Per gli ipermercati integrati (gestiti dal gruppo Carrefour e non in franchising), è previsto un altro piano di “semplificazione e centralizzazione”, sebbene non sia stato annunciato, e mira a ridurre alcune posizioni amministrative e rimuovere le casse nelle stazioni di servizio. Sarebbero interessati 500 posti di lavoro.

A causa delle sue ambizioni nel commercio online, il gruppo ha un grande centro logistico. Questo centro dedicato alla preparazione degli ordini online sarà gradualmente automatizzato e contribuirà a ridurre di un terzo il personale [5].

Allo stesso modo, la creazione di partnership in alcuni dipartimenti come Fnac-Darty per gli elettrodomestici teme la soppressione di posti di lavoro per ora non ancora dichiarata.

Le chiusure dei punti vendita Dia in Spagna non mancheranno di causare perdite di posti di lavoro. In effetti, questi supermercati che non hanno trovato acquirenti dovranno chiudere i cancelli, una minaccia per i 2.100 dipendenti spagnoli coinvolti.

Infine, un certo numero di stabilimenti del gruppo passerà in locazione-gerenza (franchising), che coinciderà con il peggioramento delle condizioni di lavoro e dei benefici sociali dei lavoratori in questi negozi.

In totale, e sebbene il gruppo non fornisca cifre precise, sono almeno 10.000 i posti di lavoro che potrebbero essere eliminati a livello globale a causa di questo piano di trasformazione.

Piani sociali a tutto tondo

Carrefour non è l’unico marchio al dettaglio ad aver annunciato ristrutturazioni e tagli di posti di lavoro negli ultimi anni.

Il ciclo più recente è iniziato con Delhaize nel 2014, che si stava preparando per la sua fusione con Ahold [6]. Cora [7] e Makro [8], due concorrenti nel segmento dell’ipermercato in Belgio, i quali hanno altresì annunciato una ristrutturazione negli ultimi mesi.

Sul lato francese, Auchan, l’altro specialista francese dell’ipermercato, ha presentato un piano di ristrutturazione nel 2016 [9].

Negli Stati Uniti, Walmart, il più grande distributore al mondo, ha annunciato riduzioni di organico all’inizio di gennaio e la chiusura di 63 negozi del Sam’s Club [10] mentre la britannica Tesco sta entrando in una terza ristrutturazione [11] in un anno.

In totale, decine di migliaia di posti di lavoro sono stati eliminati nel settore della distribuzione negli ultimi anni tra i principali distributori mondiali.

In Belgio: “un nuovo massacro sociale”

Il Belgio non è risparmiato da questo piano di ristrutturazione. Sebbene nessun dato per il Belgio sia trapelato all’annuncio di Alexander Bompard, febbrilmente i lavoratori belgi stanno aspettando la caduta dell’ascia.

Il 25 gennaio 2018, la direzione di Carrefour Belgio ha annunciato che il piano di ristrutturazione potrebbe riguardare circa 1.233 posti di lavoro nel paese. Un annuncio difficile da accettare alla luce dei cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nella controllata belga.

Carrefour è arrivato in Belgio nel 2000 attraverso l’acquisizione del gruppo GB. Gestisce 56 ipermercati, 73 supermercati e una rete di negozi in franchising. La forza lavoro di GB era di 18.000 unità al momento dell’acquisizione da parte di Carrefour [12].

I supermercati e gli ipermercati GB sono quindi in perdita di quote di mercato nel paese. Carrefour, che beneficia di migliori condizioni di acquisto, è in grado di abbassare i prezzi, investe nella sua nuova acquisizione e ammoderna i negozi esistenti. Questi trovano risultati positivi dal 2003; al prezzo di sacrifici per i lavoratori del gruppo che vedono il nuovo azionista principale negare loro la partecipazione ai profitti non appena arrivano.

Il primo sciopero ha avuto luogo nel 2001 quando Carrefour ha cercato di aumentare la flessibilità nel gruppo e limitare le attività sindacali. Nel 2007, l’arrivo dei nuovi azionisti Colony Capital e Bernard Arnault (ancora principale azionista del gruppo) coincide con una prima ristrutturazione: 16 supermercati in franchising, 900 partenze (pre-pensionamento e dimissioni volontarie) e nuovi assunzioni che verranno fatte in base ad accordi congiunti meno vantaggiosi per i lavoratori [13].

Questo è un primo passo. Nel 2010 Carrefour decide una nuova ristrutturazione. Comprende 1.700 posti di lavoro, piani per la chiusura di 14 ipermercati e 7 supermercati, il trasferimento di tutto il personale in convenzione CP202.01, il blocco dei salari per tre anni e il passaggio in franchising di 7 supermercati. [14]

All’inizio dell’anno 2018, Carrefour corre ai ripari  annunciando la soppressione di 1.233 posti di lavoro, di cui 180 presso la sede centrale. Due ipermercati chiuderanno entro giugno 2018 (Liège-Angleur e Genk) mentre altri ipermercati avranno la loro superficie ridotta e/o saranno trasformati in supermercati. Come è il caso a livello globale, il gruppo annuncia piani per aprire punti di ritiro di e-commerce e negozi di alimentari.

Anche in questo caso, l’obiettivo è appena appena camuffato: aumentare la percentuale di negozi in franchising – con condizioni peggiorate per i lavoratori – ed estendere l’orario di apertura di questi punti vendita.

L’indomani dell’annuncio e dopo le assemblee generali organizzate nei negozi, 27 stabilimenti hanno deciso di scioperare nell’Hainaut, nella provincia di Liegi, nel Brabante Vallone, nella regione di Bruxelles e Genk.

La Setca-FGTB evoca “un nuovo massacro sociale”. Il governo dice di voler sostenere i lavoratori di Carrefour. “È completa ipocrisia. Se il governo vuole fare qualcosa, lo può fare con le leggi. Ma quando creiamo i lavoretti flessibili, non dobbiamo piangere se 15 giorni dopo c’è la perdita dei posti di lavoro”, ha detto Delphine Latawiec del CNE.

Marie-Hélène Ska, segretario generale della CSC, critica le politiche del governo nei confronti delle grandi aziende: “Più di 24 milioni di euro di interesse figurativo (**) sono stati concessi a Carrefour in un solo anno, […] 16.789 milioni di euro toccati a  Carrefour per la modifica dei tassi e il bonus fiscale. Nel frattempo, Carrefour ha versato 50 milioni di dividendi ai suoi azionisti nel 2016. Per dirla chiaramente, il governo del Belgio ha pagato i dividendi agli azionisti di Carrefour e oggi Carrefour, che non ha anticipato nulla, farà pagare alla sicurezza sociale e ai lavoratori una riorganizzazione in cui non perdono nulla. Questo è disgustoso [15]”.

La forza lavoro di 18.000 unità di Carrefour in Belgio al momento dell’acquisizione di GB è stata ridotta da ristrutturazioni successive a 11.500 posizioni (8.500 equivalenti a tempo pieno) prima dell’annuncio di gennaio 2018 e circa 10.000 posizioni dopo l’attuata ristrutturazione.

Per Myriam Delmée di Setca: “Ci troviamo nella stessa situazione dell’ultima ristrutturazione del 2010. I lavoratori hanno fatto sforzi, si sono rimboccati le maniche per quello che è stato presentato come un salvataggio e questo è quello che abbiamo oggi”.

Un settore a soqquadro

Il settore retail è caratterizzato da diverse tendenze di fondo. La prima è la crescente concorrenza dei negozi specializzati e del commercio in rete come Amazon [16], che stanno guadagnando quote di mercato in aumento su tutti i tipi di prodotti, anche se le vendite di generi alimentari sono ancora assicurate dalla distribuzione tradizionale. I rivenditori online offrono spesso prezzi più bassi grazie all’automazione avanzata dei loro processi logistici, un’organizzazione del lavoro degna “del diciannovesimo secolo” [17] e un’offerta di consegna dalle prestazioni elevate.

La seconda tendenza è la razionalizzazione delle organizzazioni aziendali. Ciò può essere visto attraverso i movimenti di concentrazione in opera negli ultimi anni nel settore, sia attraverso fusioni e acquisizioni come nel caso di Ahold e Delhaize, sia a livello di centrali di acquisto [18].

Si cerca quindi la migliore economia di scala nella logistica o nelle negoziazioni commerciali, così come la rifocalizzazione su aree geografiche con il maggiore potenziale di crescita. Questo processo di razionalizzazione di solito porta a tagli dei posti di lavoro.

Carrefour, che ha finora negoziato male la svolta digitale, non è ovviamente risparmiato. Al momento dell’annuncio del piano sociale, l’amministratore delegato di Carrefour ha confermato, tuttavia, di mantenere la sua politica dei dividendi: distribuire tra il 45 e il 50% degli utili.

Lo stesso giorno, le azioni hanno guadagnato più del 4% sul mercato azionario, i mercati hanno accolto con favore la politica del gruppo. In Carrefour, è una tendenza di fondo…

__________

Note: 

* Fondi propri: tutti i fondi rappresentano ciò che la società possiede. È essenzialmente il capitale diviso in azioni di capitale (o azioni) in valore nominale, da un lato, e profitti riservati accumulati nel corso degli anni dall’altro. (in inglese: shareholders equity)

** Interesse nominale: vantaggio fiscale tipico del Belgio, consistente nel calcolare fittiziamente un interesse sui fondi propri di un’impresa come se fossero trattati come capitale preso in prestito e deducendo l’importo ottenuto dai profitti tassabili. (in inglese: notional interest)

[1] Lsa-conso.fr, « Format : le gigantisme n’est plus à la mode », 18 octobre 2001. https://www.lsa-conso.fr/format-le-gigantisme-n-est-plus-a-la-mode,70588

[2] Tarteret et Hanne, « Grande distribution et croissance économique en France » : DGCCRF éco, n°11 décembre 2012.

[3] Sur les négociations commerciales et la pression sur les achats, lire : Wathelet, Violaine, “Les filières de production orchestrées par la Distribution”, Gresea, 09 juin 2015, texte disponible à l’adresse : http://www.gresea.be/spip.php?article1385

[4] Lineaires.com, « Comment Bompard veut faire fondre la masse salariale de Carrefour », 25 janvier 2018. http://www.lineaires.com/LA-DISTRIBUTION/Les-actus/Comment-Bompard-veut-faire-fondre-la-masse-salariale-de-Carrefour-51476

[5] Lineaires.com, « Carrefour inaugure une seconde maga plateforme drive », 8 janvier 2018. http://www.lineaires.com/LA-DISTRIBUTION/Les-actus/Carrefour-inaugure-une-seconde-mega-plateforme-drive-51404

[6] Romain Gelin, “Delhaize & Ahold, un mariage de “raison” ?”, Gresea, avril 2015, texte disponible à l’adresse : http://www.mirador-multinationales.be/divers/a-la-une/article/delhaize-ahold-un-mariage-de-raison

[7] lecho.be, « La restructuration chez Cora ne surprend pas les syndicats. », 19 janvier 2017. https://www.lecho.be/entreprises/grande-distribution/La-restructuration-chez-Cora-ne-surprend-pas-les-syndicats/9853186

[8] lalibre.be, « Restrucuration chez Makro : aucun licenciement sec », 9 novembre 2016. http://www.lalibre.be/actu/belgique/restructuration-chez-makro-aucun-licenciement-sec-malgre-505-pertes-d-emploi-5823301dcd70fb896a674c15

[9] lsa-conso.fr, « L’emploi, volet sensible du plan de restructuration d’Auchan », 3 mars 2017. https://www.lsa-conso.fr/l-emploi-volet-sensible-du-plan-de-restructuration-d-auchan,255474

[10https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-01-12/wal-mart-said-to-restructure-store-roles-to-streamline-business

[11https://www.theguardian.com/business/2017/jan/09/tesco-1000-jobs-restructuring-plans ; https://www.theguardian.com/business/2017/jun/28/tesco-to-cut-1200-head-office-jobs ; https://www.express.co.uk/finance/city/908220/tesco-cuts-jobs-results-profits

[12] Lesoir.be, « Distribution. L’intégration de l’enseigne belge dans Carrefour semble a priori lui profiter », 12 avril 2003. http://www.lesoir.be/archive/recup/%25252Fserie-2-distributionl-integration-de-l-enseigne-belge-d_t-20030412-Z0N1FE.html

[15https://www.rtbf.be/info/belgique/detail_marie-helene-ska-csc-les-syndicats-ne-sont-pas-la-juste-pour-tenir-le-couvercle-sur-une-marmite-prete-a-exploser-socialement?id=9823244

[16] Voir l’historique d’Amazon rédigé par Gilles t’Serstevens sur Mirador : http://www.mirador-multinationales.be/secteurs/distribution/article/amazon#histoire

[17] Jean-Baptiste Malet, « En Amazonie, infiltré dans le meilleur des mondes », Fayard, 2013 et Lemonde.fr du 17 décembre 2013 http://www.lemonde.fr/economie/article/2013/12/16/les-travailleurs-chez-amazon-ont-des-conditions-de-travail-dignes-du-xixe-siecle_3517609_3234.html

[18] Gelin, Romain, “Distribution : Concentration dans les centrales d’achats européennes”, Gresea, septembre 2015, texte disponible à l’adresse : http://www.gresea.be/spip.php?article1423

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...