Il clima sta cambiando, i rapporti di sfruttamento no.

Enzo Pellegrin

29/09/2019

English version in Global Research, Globalresearch.ca

Se mai ce ne fosse bisogno, le manifestazioni “istituzionali” di venerdì scorso hanno confermato un dato ambientale, sul quale gran parte del mainstream mediatico investe risorse di controllo dell’opinione da almeno venti anni. Il clima della Terra sta cambiando.

Lo confermano, in ordine di importanza: i governi più potenti del mondo, le organizzazioni governative, le cosiddette organizzazioni non governative, i governi allineati ai governi più potenti del mondo. Nel mazzo entra pure il governo italiano, il quale ha “istituzionalizzato” le manifestazioni per il clima con una circolare del Ministero della Pubblica Istruzione, la quale invitava i docenti ad accettare la giustificazione di assenza per la partecipazione al “Friday for Future”. Ultime ma non meno importanti, le organizzazioni dei partiti governativi e filogovernativi, le quali hanno tentato di dirigere, attraverso le loro organizzazioni giovanili, le manifestazioni di venerdì.

environment-changing-climate-melting-ice-roxanne-desgagnes-qbtyuqtqj8k-unsplash

Che il clima, ma non solo il clima, stia andando incontro a mutamenti derivanti dall’inquinamento dei metodi di produzione e di sviluppo economico, lo avevano in precedenza detto sia la comunità scientifica internazionale, sia una serie di personaggi che alle nazioni Unite avevano più volte parlato, senza che il mainstream mediatico avesse mai dato loro la dovuta eco.
Continua a leggere “Il clima sta cambiando, i rapporti di sfruttamento no.”