Uscire dalla Nato secondo l’art. 13 del trattato.

Smantellare la NATO, chiudere 800 basi militari USA, perseguire i criminali di guerra

Prof. Michel Chossudovsky (Professore emerito di Scienze Economiche all’Università di Ottawa e Direttore del Centre for Research on Globalization – Globalresearch).

auton121099

Global Research | Globalresearch.ca | 17.04.2022

Traduzione di Enzo Pellegrin

Questo testo è stato pubblicato per la prima volta il 4 aprile 2019 nel contesto della Conferenza internazionale di Firenze: No War, No NATO che si è concentrata sulla relazione chiave tra le operazioni militari USA-NATO dirette contro paesi mirati e l’imposizione di riforme economiche neoliberali di vasta portata sia prima che sulla scia degli interventi militari USA-NATO. Al culmine della crisi ucraina, si profila uno scenario da terza guerra mondiale. La guerra nucleare è contemplata. Il futuro dell’umanità è minacciato. Quali sono le soluzioni?

nonato-italy-1

– L’uscita dalla NATO ai sensi dell’art. 13. Notifica della denuncia di uscita.

– Un movimento mondiale contro la guerra

– La disabilitazione della propaganda di guerra

– Una politica estera assennata degli Stati Uniti

– Diplomazia e Negoziati di Pace,

– La chiusura dell’economia di guerra.

***

Questo articolo affronta i pericoli e le conseguenze di una terza guerra mondiale, nonché la natura dei sistemi di armi avanzate schierate dalla più ampia coalizione USA-NATO. Crimini di guerra estesi sono stati commessi dagli stati membri della NATO. L’oggetto della Conferenza di Firenze 2019 è l’uscita dalla NATO. Lo smantellamento della NATO e la chiusura delle basi militari statunitensi. C’è una clausola (un po’ contraddittoria) nel Trattato dell’Alleanza Atlantica (articolo 13) che permette il ritiro dalla NATO. Questa clausola deve essere esaminata e deve essere prevista una strategia. La richiesta di uno Stato membro della NATO di ritirarsi dal trattato spetta al governo degli Stati Uniti d’America. Quali sono le implicazioni giuridiche di questa clausola?

“Articolo 13 – Dopo che il trattato è rimasto in vigore per venti anni, ogni Parte contraente ha diritto di cessare di essere parte del Trattato dopo un anno che la decisione di cessazione è stata notificata al Governo degli Stati Uniti d’America, che informerà i Governi delle altre Parti del deposito della richiesta di cessazione”

screen-shot-2019-04-01-at-09.22.07

Nelle nostre conclusioni ci occuperemo di quali tipi di azioni sono richieste dai movimenti di massa per raggiungere questo obiettivo, tenendo presente che, dalla guerra all’Iraq (2003), i movimenti di protesta sono stati cooptati e manipolati. Mentre il riscaldamento globale fa notizia, i pericoli della guerra nucleare sono appena menzionati. Perché?

screen-shot-2019-03-29-at-10.40.00

Introduzione e panoramica

L’obiettivo egemonico non dichiarato di Washington è la militarizzazione mondiale e la conquista economica. Questo disegno imperiale viene portato avanti attraverso atti di guerra, interventi militari, colpi di stato, cambi di regime, insurrezioni sponsorizzate dagli Stati Uniti, cyber-guerra, sabotaggio economico e destabilizzazione. “Tutte le opzioni sono sul tavolo”. Siamo ad una soglia importante nella nostra storia. Rispetto a tutte le guerre precedenti, l’arsenale militare avanzato di oggi include armi nucleari, biologiche, chimiche ed elettromagnetiche che hanno la capacità di distruggere la vita umana su scala mondiale.

Propaganda di guerra

Questa agenda militare è sostenuta da un esteso apparato di propaganda. I pericoli di una guerra mondiale sono casualmente ignorati. La guerra è dipinta come uno sforzo umanitario. I media mainstream sostengono che la guerra è un’impresa di pace e che alla NATO dovrebbe essere assegnato il premio Nobel per la pace.

no-guerra-no-nato-500

La propaganda sostiene l’agenda della guerra.

Fornisce un volto umano ai criminali di guerra insediati nelle alte cariche. Senza la disinformazione dei media che sostiene la guerra come un’impresa di pace, l’agenda militare americana crollerebbe come un castello di carte. I pericoli imminenti della guerra moderna non sono notizie da prima pagina. La guerra è ritratta come un’impresa di pace. La guerra diventa pace, le realtà sono capovolte. Quando la menzogna diventa la verità, non si può tornare indietro. I criminali di guerra sono ritratti come pacificatori.

190311headline6

190311headline8-1024x140-1

190311headline8-copy-1024x132-1

Guerra e globalizzazione. L’agenda neoliberista

Guerra e globalizzazione vanno di pari passo. La militarizzazione sostiene l’imposizione di ristrutturazioni macroeconomiche ai paesi bersaglio. Impone la spesa militare a sostegno dell’economia di guerra a spese dell’economia civile. Porta alla destabilizzazione economica e al crollo delle istituzioni nazionali. Gli interventi militari sono accoppiati ad atti concomitanti di sabotaggio economico e manipolazione finanziaria. L’obiettivo finale è la conquista delle risorse umane e naturali e delle istituzioni politiche. Gli atti di guerra sostengono un processo di vera e propria conquista economica. Il progetto egemonico degli USA è quello di trasformare i paesi sovrani in territori aperti. Le condizioni del debito sono imposte dai creditori stranieri. A loro volta, ampi settori della popolazione mondiale sono impoveriti attraverso la concomitante imposizione di mortali riforme macroeconomiche.

L’11 settembre e l’invasione dell’Afghanistan. La NATO e la “guerra globale al terrorismo.

Gli attacchi dell’11 settembre 2001 (9/11) costituiscono una soglia importante e storica. Il 12 settembre 2001, il Consiglio del Nord Atlantico a Bruxelles, invocando per la prima volta la dottrina della sicurezza collettiva (art. 5 del Trattato di Washington) ha adottato la seguente risoluzione:

“se si stabilisce che l’attacco [dell’11 settembre 2001] contro gli Stati Uniti era diretto dall’estero [Afghanistan] contro “l’area del Nord Atlantico”, esso sarà considerato come un’azione coperta dall’articolo 5 del Trattato di Washington”. (parentesi aggiunta)

Questa decisione storica è stata sostenuta dalla propaganda dei media. Non c’è stato alcun attacco contro gli Stati Uniti da parte di una potenza straniera. Non c’erano jet afgani nei cieli di New York. C’è stato un evento terroristico. Ma non è stato un atto di guerra di una potenza straniera contro gli Stati Uniti d’America. Senza uno straccio di prova, l’Afghanistan è stato etichettato come lo sponsor statale degli attentatori dell’11 settembre, tutti di nazionalità saudita. Presumibilmente l’Afghanistan stava “proteggendo” la mente del terrorismo dell’11 settembre, Osama bin Laden (che era una “risorsa di intelligence”, reclutato nei primi anni ’80 dalla CIA). La posizione di Osama bin Laden era nota. Il 10 settembre (come documentato da Dan Rather CBS News) Osama era stato ricoverato nel reparto di urologia di un ospedale militare di Rawalpindi, nel Pakistan, il più fedele alleato dell’America. Inoltre, nel corso di settembre e all’inizio di ottobre 2001, il governo talebano afgano ha contattato in due occasioni il Dipartimento di Stato americano attraverso canali diplomatici e si è offerto di estradare bin Laden negli Stati Uniti. Bush ha risposto: “Noi non negoziamo con i terroristi”. Appena 4 settimane dopo l’attacco dell’11 settembre, il 7 ottobre 2001, gli USA-NATO invasero l’Afghanistan, invocando la dottrina della sicurezza collettiva. Non c’erano prove che “l’Afghanistan avesse attaccato l’America” l’11 settembre 2001. Vale la pena notare, come confermato dagli analisti militari, che non si prepara una guerra di teatro su larga scala in Asia centrale, a migliaia di chilometri di distanza, nel giro di 28 giorni. Questo problema è stato disinvoltamente ignorato dai media mainstream. La guerra in Afghanistan era stata preparata PRIMA dell’11 settembre.

Il ruolo di USA e NATO nel reclutamento e nel finanziamento dei terroristi affiliati ad Al Qaeda

La NATO autoproclamò il proprio mandato a dare la caccia ai terroristi. Eppure ci sono ampie prove che la NATO è stata coinvolta nel sostegno e nel reclutamento di mercenari affiliati ad Al Qaeda in Kosovo, Libia e Siria (tra gli altri paesi). In Siria, dal primo giorno (17 marzo 2011), i “combattenti per la libertà” islamisti sono stati sostenuti, addestrati ed equipaggiati dalla NATO e dall’Alto Comando della Turchia. Secondo fonti di intelligence israeliane (Debka, 14 agosto 2011).

“Il quartier generale della NATO a Bruxelles e l’alto comando turco stavano intanto elaborando i piani per il loro primo passo militare in Siria, che è quello di armare i ribelli con armi per combattere i carri armati e gli elicotteri che guidano la repressione del regime di Assad sul dissenso. … gli strateghi della NATO stanno pensando più in termini di versare grandi quantità di razzi anticarro e antiaerei, mortai e mitragliatrici pesanti nei centri di protesta per sconfiggere le forze corazzate del governo”. (DEBKAfile, La NATO darà ai ribelli armi anticarro, 14 agosto 2011)

Questa iniziativa, che è stata sostenuta anche da Israele, Arabia Saudita e Stati del Golfo, ha comportato un processo di reclutamento organizzato di migliaia di “combattenti per la libertà” jihadisti, che ricorda l’arruolamento dei Mujahideen per la jihad (guerra santa) della CIA nel periodo d’oro della guerra sovietico-afghana (1979-89). Nella guerra della NATO contro la Libia nel 2011, il sostegno è stato incanalato verso l’opposizione jihadista al governo di Gheddafi, opposizione affiliata ad Al Qaeda .

La asserita legittimità della “guerra umanitaria

Le giustificazioni contorte per le guerre condotte da USA-NATO sono:

a) “La guerra giusta” (Jus ad Bellum). La NATO sostiene che tutte le sue guerre sono moralmente giustificabili. Questo equivale a legittimare ampi crimini di guerra.

b) “La guerra globale al terrorismo”. La campagna antiterrorismo è falsa. Ampiamente documentato, la NATO è coinvolta nel sostegno e nel reclutamento di mercenari jihadisti (Siria 2011).

c) “La Responsabilità di proteggere” (R2P) al fine di instillare (stile Trump) la “democrazia” occidentale nel mondo.

d) La guerra preventiva come mezzo di “autodifesa”, attaccarli prima che ci attacchino. Questa dottrina riguarda anche le armi nucleari, cioè far saltare in aria il pianeta come mezzo di “autodifesa”.

e) il RussiaGate, “Autodifesa” contro la Russia, sotto la dottrina della sicurezza collettiva

f) il Pivot verso l’Asia, puntare sulla Cina come nemico da neutralizzare.

Finanziamento delle guerre condotte dagli USA e dalla NATO

Nei recenti sviluppi, il presidente Trump aveva proposto grandi tagli di spesa nella sanità, nell’istruzione, nelle infrastrutture sociali “mentre cercava un grande aumento per il Pentagono”. All’inizio della sua amministrazione, il presidente Trump ha confermato che stava aumentando il budget per il programma di armi nucleari lanciato da Obama da 1.0 trilioni a 1.2 trilioni di dollari. L’obiettivo dichiarato era quello di rendere il mondo più sicuro. In tutta l’UE, l’aumento delle spese militari insieme alle misure di austerità sta portando alla fine di quello che veniva chiamato “Stato sociale”. La NATO è impegnata ad aumentare le spese militari. È la cosa giusta da fare per “mantenere il nostro popolo al sicuro”, secondo il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg

screen-shot-2019-03-16-at-18.49.36

Source NATO

screen-shot-2019-03-16-at-18.52.09

Questo favorisce i produttori di armi a spese dei programmi sociali. I movimenti di massa contro la politica economica neoliberista e la disuguaglianza sociale non possono, quindi, essere separati dal movimento contro la guerra.

Globalizzazione e strutture di potere legate ai monopoli finanziari e industriali globali e alle sovrastrutture neoliberiste.

La guerra globale sostiene l’agenda neoliberista e viceversa. Il neoliberismo in senso lato non si limita a un insieme di paradigmi economici e riforme strutturali. Ciò con cui abbiamo a che fare è un progetto imperiale che serve ampiamente potenti interessi globali sovrapposti:

– Wall Street e l’apparato bancario globale

– Il complesso militare industriale,

– le multinazionali del petrolio,

– i conglomerati biotecnologici, Bayer-Monsanto et al.

– le multinazionali farmaceutiche,

– l’economia globale dei narcotici e il crimine organizzato,

– i conglomerati dei media e i giganti della tecnologia dell’informazione e della comunicazione.

L’agenda militare è orientata a sostenere e appoggiare questi potenti gruppi di interesse. C’è naturalmente all’interno di questi settori, un conflitto crescente tra i conglomerati globali, ognuno dei quali ha i suoi gruppi di pressione.

L’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO) La NATO e l’occupazione militare statunitense de facto dell’Europa occidentale

70 anni fa nasceva la NATO. Nell’aprile 1949, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) stabilì quella che fu designata come la dottrina della “Sicurezza Collettiva” secondo l’art. 5 del Trattato di Washington. La NATO ha una sordida storia di aggressioni e crimini di guerra.

Fin dalla sua fondazione nell’aprile 1949, la NATO è servita come veicolo per stimolare la corsa agli armamenti in nome della “pace attraverso la forza”. In quello stesso anno, l’amministrazione Truman negli Stati Uniti sviluppò segretamente “l’Operazione Dropshot” per lanciare un devastante “first-strike” contro l’ex Unione Sovietica per obliterare completamente quel paese. Durante gli anni della ‘guerra fredda’, gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno sempre mantenuto una schiacciante superiorità militare sull’URSS e sul Patto di Varsavia – un fatto che hanno cinicamente nascosto alla vista del pubblico all’epoca, ma che ora ammettono prontamente. (Congresso canadese per la pace).

L’obiettivo tacito della NATO -che è importante per il nostro dibattito a Firenze-, era quello di sostenere sotto un’altra etichetta, l'”occupazione militare” de facto dell’Europa occidentale. Gli Stati Uniti non solo continuano a “occupare” i “paesi dell’asse” della seconda guerra mondiale (Italia, Germania), ma hanno usato l’emblema della NATO per installare basi militari statunitensi in tutta l’Europa occidentale, così come nell’Europa orientale sulla scia della guerra fredda, estendendosi nei Balcani sulla scia della guerra della NATO alla Jugoslavia.

Oggi, la NATO è composta da 29 stati membri, la maggior parte dei quali hanno strutture militari statunitensi sul loro territorio, con il più grande dispiegamento di forze USA in Germania e Italia. Si tenga presente che queste non sono basi NATO. Queste ultime sono limitate al comando e alla logistica: ad esempio SHAPE Supreme Headquarters Allied Powers Europe, Casteau, Belgio, NATO Allied Command Transformation, Norfolk, Virginia

12 stati membri fondatori nel 1949: Belgio, Canada, Danimarca, Francia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo,

Grecia e Turchia (1952),

Germania (1955),

Spagna (1982)

Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia (1999),

Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia (2004),

Albania e Croazia (2009),

Montenegro (2017)

Un certo numero di altri paesi hanno stabilito accordi di partenariato con la NATO. Israele è un membro de facto della NATO, sulla base di un accordo raggiunto nel 2003. A sua volta, gli Stati Uniti hanno stabilito una serie di alleanze militari su base regionale.

screen-shot-2019-03-06-at-13.22.10

Source: NATO

Sotto la parvenza di un’alleanza militare multinazionale, il Pentagono domina il processo decisionale della NATO. Gli Stati Uniti controllano le strutture di comando della NATO, che sono incorporate in quelle degli Stati Uniti. Il Comandante Supremo Alleato Europa (SACEUR) e il Comandante Supremo Alleato Atlantico (SACLANT) sono americani nominati da Washington. L’attuale segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è essenzialmente un burocrate. Non è lui che comanda.

Altre due strutture di comando chiave Allied Command Transformation (ACT) e Allied Command Operations (ACO), “responsabili della pianificazione ed esecuzione di tutte le operazioni militari della NATO” sono state aggiunte nel 2002. Secondo i termini dell’alleanza militare, gli stati membri della NATO sono imbrigliati nell’avallare il disegno imperiale di Washington di conquista mondiale sotto la dottrina della sicurezza collettiva. Nel 1949, la NATO è diventata uno strumento della guerra fredda che ha impedito e minato lo sviluppo delle relazioni commerciali, politiche, sociali e culturali tra l’Europa occidentale e il blocco sovietico, compresa l’Europa orientale.

Per Washington, con il Pentagono che tira i fili, la NATO è diventata un comodo “proxy multi-stato” militare. Gli obiettivi strategici degli Stati Uniti riguardo alla NATO sono:

– l’occupazione militare statunitense de facto dell’Europa occidentale, orientale e del Canada attraverso la creazione di basi militari statunitensi nella maggior parte degli stati membri della NATO

– l’imposizione della politica estera degli Stati Uniti, che richiede l’accettazione (secondo la dottrina della sicurezza collettiva) di tutti i piani di guerra degli Stati membri della NATO (compresi i dispiegamenti militari alle porte della Russia)

– un meccanismo per cui il Pentagono finanzia le sue guerre e operazioni militari attraverso i contributi di ogni stato membro della NATO, a spese dei contribuenti;

– la conduzione di guerre guidate dagli Stati Uniti sotto l’emblema dell’alleanza militare della NATO, obbligando così gli stati membri della NATO a schierare le loro capacità militari e a “fare il lavoro sporco per noi”, cioè uccidere e distruggere per conto di Washington.

– l’estensione dell’influenza statunitense nel dopoguerra nelle ex colonie dei paesi dell’Europa occidentale (Francia, Belgio, Italia, Gran Bretagna)

L’occupazione militare è etichettata come “Protezione” e i governi degli stati membri della NATO stanno effettivamente “Pagando gli Stati Uniti per occupare i loro paesi”. È tutto per una buona causa. “Rendere il mondo più sicuro”:

“La più grande indegnità è stata la richiesta ridicola che gli alleati della NATO paghino per ospitare le truppe americane di guarnigione permanente – per finanziare essenzialmente le loro occupazioni. La scorsa settimana, è stato riferito che gli Stati Uniti avrebbero iniziato a chiedere ad alcuni dei suoi alleati più ospitali – quelle nazioni che ospitano centinaia di migliaia di soldati – di pagare il conto per il costo di mantenerli “al sicuro” (H. Busyinzki).

Dovrei menzionare che oltre a raccomandare la NATO per il premio Nobel per la pace, i media presentano incessantemente la NATO come uno strumento di pace.

screen-shot-2019-03-13-at-09.46.00

Basi militari statunitensi e alleanze militari globali

La presa del Pentagono si estende ben oltre i 29 stati membri della NATO. Include anche paesi partner e un ampio sistema di alleanze militari in tutte le principali regioni del mondo, tra cui l’America Latina, il Nord Africa e il Medio Oriente, l’Africa sub-sahariana, l’Asia meridionale, il Sud-Est asiatico, l’Asia orientale (Giappone, Corea del Sud) e l’Oceania. Israele è di fatto uno stato membro della NATO. Alleanze militari e occupazione militare vanno di pari passo. Più in generale, la creazione di alleanze militari è diventata un mezzo per installare basi militari statunitensi in un gran numero di paesi, compresi quelli che sono stati vittime di guerre e interventi militari condotti dagli Stati Uniti. (es. Vietnam, Cambogia, Indonesia, Afghanistan, Iraq). Ad eccezione del Comando Strategico della NATO e delle sue basi logistiche, non ci sono basi militari della NATO. Ci sono basi statunitensi situate in paesi ospitanti (compresi gli stati membri della NATO), nonché basi militari nazionali sotto la giurisdizione degli stati membri della NATO, spesso in un accordo congiunto con gli Stati Uniti. Oggi ci sono circa 39 basi militari statunitensi in Germania (in base a fonti ufficiali), molte delle quali sono sotto un sistema di comando congiunto con la Germania e la NATO.

In Italia, le principali basi militari sono:

– Base aerea di Aviano, Pordenone

– Caserma Ederle, Vicenza

– Stazione aerea San Vito Dei Normanni, vicino a Brindisi

– Naval Air Station Sigonella, vicino a Catania, Sicilia

– Camp Darby, vicino a Pisa e Livorno

Secondo una fonte non confermata, in Italia ci sono circa 100 basi e strutture militari statunitensi

screen-shot-2019-03-06-at-16.26.20

Coalizioni trasversali: andare a letto con il nemico

Di rilievo, al di là dello scopo di questo articolo, sono le ampie strutture di alleanze militari di Russia e Cina sotto la Shanghai Cooperation Organization (SCO). La Turchia (membro della NATO) sta ora collaborando con la Russia e l’Iran. Il più fedele alleato dell’America, il Pakistan, è ora un membro a pieno titolo della SCO e sta collaborando attivamente con la Cina.

Comandi geografici di combattimento. Basi militari USA in tutto il mondo

Il sistema americano dei Comandi Geografici di Combattimento è stato stabilito sulla scia della Seconda Guerra Mondiale. Costituisce le basi della guerra globale, portando al dispiegamento delle forze aeree, navali e terrestri degli Stati Uniti in tutto il mondo, compresa la militarizzazione dello spazio esterno e il dispiegamento di armi nucleari. A sua volta, tutte le principali guerre di teatro sono coordinate dal Comando Strategico degli Stati Uniti (USSTRATCOM) alla Offutt Air Force Base, Nebraska.

unified_combatant_commands_map

Gli Stati Uniti hanno attualmente più di 800 basi militari formali in 80 paesi. A loro volta, le alleanze militari ed economiche guidate dagli Stati Uniti hanno giocato un ruolo chiave nell’estendere la sfera d’influenza americana.Una volta che queste basi militari sono stabilite nei paesi, rimangono. Il paese ospitante diventa di fatto un alleato degli Stati Uniti. Da un punto di vista strategico, con la guerra moderna, i comandi geografici di combattimento sono per certi versi obsoleti. Sono in gran parte orientati al controllo dei paesi che ospitano basi militari statunitensi. Non costituiscono una struttura efficace per condurre operazioni militari strategiche contro la Russia o la Cina.

Oltre 800 basi militari statunitensi. Dove sono situate

screen-shot-2019-03-13-at-16.44.14

Gli accordi di comando delle forze congiunte sono firmati tra gli Stati Uniti e i loro alleati. I paesi ospitanti non solo devono approvare la dottrina militare degli Stati Uniti, ma anche contribuire con ingenti risorse finanziarie che vengono utilizzate per finanziare le operazioni militari statunitensi. A questo proposito, gli stati membri della NATO contribuiscono finanziariamente a sostenere l’apparato militare guidato dagli Stati Uniti. La mappa qui rappresentata è incompleta. Non include le basi statunitensi sotto il Comando Congiunto Gli alleati dell’America sono anche impegnati nel vincolo di sostenere l’industria delle armi degli Stati Uniti (“appaltatori della difesa”) attraverso acquisti multimiliardari.

Guerra nucleare e armi nucleari La privatizzazione della guerra nucleare.

Gli appaltatori militari statunitensi preparano la scena. Gli interventi USA-NATO sono presentati come sforzi di pacificazione. Una nuova generazione di armi nucleari “più utilizzabili” a “basso rendimento” sono classificate come “innocue per i civili”. Questa iniziativa è stata formulata per la prima volta durante l’amministrazione di George W. Bush. I concetti sono contenuti nella Nuclear Posture Review del 2001, adottata dal Senato nel 2002.

Hiroshima Day 2003: Riunione segreta al quartier generale del Comando Strategico

Il 6 agosto 2003, nell’Hiroshima Day, che commemora il lancio della prima bomba atomica su Hiroshima (6 agosto 1945), si è tenuta una riunione segreta a porte chiuse nel quartier generale del Comando Strategico alla base aerea di Offutt in Nebraska. Erano presenti alti dirigenti dell’industria nucleare e del complesso industriale militare. Questa riunione di imprenditori della difesa, scienziati e politici non era intesa a commemorare Hiroshima. L’incontro aveva lo scopo di preparare il terreno per lo sviluppo di una nuova generazione di armi nucleari “più piccole”, “più sicure” e “più utilizzabili”, da usare nelle “guerre nucleari sul campo” del 21° secolo. In una crudele ironia, i partecipanti a questo incontro segreto, che ha escluso i membri del Congresso, sono arrivati nell’anniversario del bombardamento di Hiroshima e sono partiti nell’anniversario dell’attacco a Nagasaki. Più di 150 appaltatori militari, scienziati dei laboratori di armi e altri funzionari governativi si sono riuniti nel quartier generale del Comando Strategico degli Stati Uniti a Omaha, Nebraska, per tracciare e pianificare la possibilità di una “guerra nucleare su larga scala”, chiedendo la produzione di una nuova generazione di armi nucleari – più “utilizzabili”, le cosiddette “mini-nukes” e “bunker buster” penetranti la terra armati di testate atomiche. Secondo una bozza trapelata dell’ordine del giorno, l’incontro segreto includeva discussioni su “mini-nukes” e bombe “bunker-buster” con testate nucleari “per un possibile uso contro stati canaglia”:

I partecipanti hanno sostenuto che: “Abbiamo bisogno di cambiare la nostra strategia nucleare dalla guerra fredda a una che possa affrontare le minacce emergenti… L’incontro farà riflettere su come garantire l’efficacia delle scorte (nucleari)”.

La dottrina delle armi nucleari dopo l’11 settembre era in preparazione, con i maggiori appaltatori della difesa americana direttamente coinvolti nel processo decisionale. Gli incontri dell’ Hiroshima Day 2003 avevano posto le basi per la “privatizzazione della guerra nucleare”. Le corporazioni non solo traggono profitti multimiliardari dalla produzione di bombe nucleari, ma hanno anche una voce diretta nello stabilire l’agenda riguardante l’uso e lo spiegamento delle armi nucleari.

L’industria delle armi nucleari, che include la produzione di ordigni nucleari, così come i sistemi di lancio dei missili, ecc., è controllata da una manciata di appaltatori della difesa con Lockheed Martin, General Dynamics, Northrop Grunman, Raytheon e Boeing in testa. Vale la pena notare che appena una settimana prima della storica riunione del 6 agosto 2003, la National Nuclear Security Administration (NNSA) ha sciolto il suo comitato consultivo che forniva una “supervisione indipendente” sull’arsenale nucleare statunitense, compresi i test e/o l’uso di nuovi dispositivi nucleari. (Il testo qui sopra è un estratto dal libro di Michel Chossudovsky Towards a World War Three Scenario, The Dangers of Nuclear War. Global Research, Montreal, 2011)

Un crocevia pericoloso: Il futuro dell’umanità è minacciato

Inutile dire che il mondo si trova ad un bivio pericoloso. Il futuro dell’umanità è minacciato. Bugie e menzogne permeano la dottrina militare USA-NATO. Coloro che decidono credono nella loro stessa propaganda. Non solo credono che le armi nucleari tattiche siano bombe di pace, ma ora stanno proponendo il concetto di una “Terza Guerra Mondiale Vincente”. Far fuori la Cina e la Russia è sul tavolo da disegno del Pentagono.

Siamo al crocevia della più grave crisi della storia mondiale. Una terza guerra mondiale con armi nucleari è terminale. Questo non è un eufemismo, nè una sopravvalutazione.

Gli interventi militari non si limitano alla guerra convenzionale. Ciò che è in gioco è un processo di guerra globale che utilizza sistemi di armi avanzate. Le protezioni dell’era della guerra fredda sono state eliminate. Il concetto di “Distruzione reciproca assicurata” relativo all’uso di armi nucleari è stato sostituito dalla dottrina della guerra nucleare preventiva. Il trattato INF è defunto. Le armi nucleari sono ritratte dai media come bombe di pace. Non sono più etichettate come armi di distruzione di massa. Devono essere usate in quelle che il Pentagono chiama operazioni “bloody nose”. Nella Nuclear Posture Review (NPR) del 2001 sotto l’amministrazione Bush, il Pentagono ha introdotto la nozione di guerra nucleare preventiva, cioè l’uso di armi nucleari in base al primo colpo come mezzo di “autodifesa”. La nuova generazione delle cosiddette armi nucleari tattiche (mininukes) è stata classificata come “a basso rendimento” e “più utilizzabile”. Il Senato degli Stati Uniti nel 2002 ha approvato il loro uso nel teatro di guerra convenzionale. Sono contemplate per l’uso contro la Corea del Nord e l’Iran. Sono etichettati come “sicuri per la popolazione civile circostante perché l’esplosione è sotterranea”. Queste bombe nucleari tattiche a “basso rendimento” hanno una capacità esplosiva tra un terzo e dodici volte una bomba di Hiroshima. “Armi nucleari a basso rendimento “più utilizzabili” sono schierate in cinque Stati non dotati di armi nucleari: Germania, Italia, Belgio, Paesi Bassi, Turchia

Gli Stati “ufficiali” delle armi nucleari

Cinque paesi, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Cina e Russia sono considerati “Stati dotati di armi nucleari” (NWS), “uno status internazionalmente riconosciuto conferito dal Trattato di non proliferazione nucleare (TNP)”. Altri tre “paesi non NPT” (cioè non firmatari del TNP), tra cui India, Pakistan e Corea del Nord, hanno riconosciuto il possesso di armi nucleari. Vale la pena notare che la Corea del Nord è stato l’unico stato con armi nucleari dichiarate che ha votato SI all’Assemblea Generale dell’ONU, a favore della proibizione delle armi nucleari sotto la risoluzione L.41. Nessuno sa perchè. Perché i media tradizionali non ne hanno parlato o come nel caso di The Guardian e Bloomberg, la RPDC è stata casualmente messa insieme agli altri stati con armi nucleari che hanno votato NO (contro la risoluzione). “Oops News”. “Abbiamo fatto un errore”. Non abbiamo davvero controllato i documenti dell’Assemblea Generale dell’ONU.

Israele: “Stato nucleare non dichiarato”

Israele è identificato come uno “Stato nucleare non dichiarato”. Produce e schiera testate nucleari dirette contro obiettivi militari e civili in Medio Oriente, compresa Teheran.

Belgio, Germania, Paesi Bassi, Italia e Turchia: erroneamente classificati come Stati non dotati di armi nucleari”.

Le capacità di armi nucleari di questi cinque paesi, comprese le procedure di consegna, sono formalmente riconosciute. Gli Stati Uniti hanno fornito circa 480 bombe termonucleari B61. a cinque cosiddetti “Stati non nucleari”, tra cui Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia. Nei recenti sviluppi le mini-bombe B61.11 stanno per essere sostituite dalle B61.12 di recente sviluppo. In base ai dati del 2014 l’Italia possiede 50 armi nucleari tattiche B61 nella sua base di Aviano. Non è chiaro se queste bombe siano sotto il comando statunitense o nazionale.

five-countries

Casualmente ignorati dal cane da guardia sul nucleare dell’ONU (l’AIEA), con sede a Vienna, gli Stati Uniti hanno contribuito attivamente alla proliferazione delle armi nucleari in Europa occidentale. Come parte di questo stoccaggio europeo, la Turchia, che è un partner della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro l’Iran insieme a Israele, possiede circa 90 bombe termonucleari B61 nella base aerea nucleare di Incirlik. (National Resources Defense Council, Nuclear Weapons in Europe, febbraio 2005) Secondo la definizione riconosciuta, questi cinque paesi sono “Stati con armi nucleari non dichiarate”.

Lo stoccaggio e il dispiegamento di B61 tattico in questi cinque “stati non nucleari” sono destinati a obiettivi in Medio Oriente. Inoltre, secondo i “piani d’attacco della NATO”, queste bombe termonucleari B61 bunker buster (stoccate dagli “Stati non nucleari”) potrebbero essere lanciate “contro obiettivi in Russia o in paesi del Medio Oriente come Siria e Iran” (citato in National Resources Defense Council, Nuclear Weapons in Europe, febbraio 2005)

Le armi stoccate sono bombe termonucleari B61. Tutte le armi sono bombe a gravità dei tipi B61-3, -4 e -10.2 . Queste stime erano basate su dichiarazioni private e pubbliche di diverse fonti governative e su ipotesi circa la capacità di stoccaggio delle armi in ogni base.(National Resources Defense Council, Nuclear Weapons in Europe, febbraio 2005)

nucleareurope-1

Germania: Produttore di armi nucleari

Tra i cinque “stati nucleari non dichiarati”, “la Germania rimane il paese più pesantemente nuclearizzato con tre basi nucleari (due delle quali sono pienamente operative) e può immagazzinare fino a 150 bombe [B61 bunker buster]” (Ibid). In accordo con i “piani d’attacco della NATO” (menzionati sopra) queste armi nucleari tattiche sono anche mirate al Medio Oriente. Mentre la Germania non è classificata ufficialmente come potenza nucleare, produce testate nucleari per la Marina francese. Immagazzina testate nucleari (fatte in America) e ha la capacità di consegnare armi nucleari.

Inoltre, la European Aeronautic Defense and Space Company – EADS, una joint venture franco-tedesca-spagnola, controllata da Deutsche Aerospace e dal potente gruppo Daimler, è il secondo produttore militare europeo e fornisce il missile nucleare M51 della Francia. La Germania importa e schiera armi nucleari dagli Stati Uniti. Produce anche testate nucleari che vengono esportate in Francia. Eppure è classificata come uno stato non nucleare.

Il messaggio di Fidel Castro sui pericoli della guerra nucleare

fidelchossudovsky

Nel 2010, dal 12 al 15 ottobre 2010, ho avuto ampie e dettagliate discussioni con il Presidente Fidel Castro Ruz, all’Avana, riguardanti i pericoli della guerra nucleare, la crisi economica globale e la natura del Nuovo Ordine Mondiale. Questi incontri sono sfociati in un’ampia e fruttuosa intervista che è stata successivamente pubblicata da Global Research. Dopo aver registrato l’ultimo giorno delle conversazioni, il 15 ottobre 2010, Fidel Castro ha fatto la seguente dichiarazione: “In una guerra nucleare il “danno collaterale” sarebbe la vita di tutta l’umanità. Abbiamo il coraggio di proclamare che tutte le armi nucleari o convenzionali, tutto ciò che viene usato per fare la guerra, deve scomparire! L’uso di armi nucleari in una nuova guerra significherebbe la fine dell’umanità. Questo era stato candidamente previsto dallo scienziato Albert Einstein che aveva potuto misurare la loro capacità distruttiva di generare milioni di gradi di calore, che avrebbe vaporizzato tutto in un ampio raggio d’azione. Questo brillante ricercatore aveva promosso lo sviluppo di quest’arma affinché non diventasse disponibile per il regime genocida nazista. Ogni governo del mondo ha l’obbligo di rispettare il diritto alla vita di ogni nazione e della totalità dei popoli del pianeta. Oggi c’è un rischio imminente di guerra con l’uso di quel tipo di arma e non nutro il minimo dubbio che un attacco degli Stati Uniti e di Israele contro la Repubblica Islamica dell’Iran evolverebbe inevitabilmente verso un conflitto nucleare globale. I popoli del mondo hanno l’obbligo di esigere dai loro leader politici il loro diritto a vivere. Quando la vita dell’umanità, del vostro popolo e dei vostri esseri umani più amati corre un tale rischio, nessuno può permettersi di essere indifferente; non si può perdere un solo minuto per esigere il rispetto di questo diritto; domani sarà troppo tardi. Albert Einstein stesso ha dichiarato inequivocabilmente: “Non so con quali armi sarà combattuta la terza guerra mondiale, ma la quarta guerra mondiale sarà combattuta con bastoni e pietre”. Comprendiamo appieno ciò che voleva trasmettere, e aveva assolutamente ragione, eppure, dopo una guerra nucleare globale, non ci sarebbe nessuno in giro a fare uso di quei bastoni e pietre. Ci sarebbero “danni collaterali”, come affermano sempre i leader politici e militari americani, per giustificare la morte di persone innocenti. In una guerra nucleare il “danno collaterale” sarebbe la vita di tutta l’umanità. Abbiamo il coraggio di proclamare che tutte le armi nucleari o convenzionali, tutto ciò che serve per fare la guerra, deve scomparire!”. Fidel Castro Ruz, 15 ottobre 2010

Flashback: La storia taciuta della guerra nucleare

Il Progetto Manhattan istituito nel 1939 insieme a Gran Bretagna e Canada sviluppò le prime bombe atomiche lanciate su Hiroshima e Nagasaki. Qual era lo scopo del Progetto Manhattan? La spiegazione ufficiale è che fu la risposta dell’America all’intento della Germania nazista di sviluppare la bomba atomica. Si tenga presente che il progetto Manhattan fu lanciato nel 1939, due anni prima della partecipazione dell’America alla Seconda Guerra Mondiale. Quello che non viene mai menzionato nella storia delle armi nucleari è che il progetto Manhattan aveva formulato un piano per usare armi nucleari contro l’Unione Sovietica già nel 1942. In altre parole, la corsa agli armamenti nucleari non è il prodotto della guerra fredda. Ha messo le sue radici durante la Seconda Guerra Mondiale, quando gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano alleati. E l’attuale dottrina militare statunitense è in gran parte una continuazione del programma di armi nucleari iniziato con il Progetto Manhattan: Secondo un documento segreto del 15 settembre 1945, “il Pentagono aveva previsto di far saltare in aria l’Unione Sovietica con un attacco nucleare coordinato diretto contro le principali aree urbane. Tutte le principali città dell’Unione Sovietica erano incluse nella lista dei 66 obiettivi “strategici”. Le tabelle seguenti classificano ogni città in termini di area in miglia quadrate e il corrispondente numero di bombe atomiche necessarie per annientare e uccidere gli abitanti delle aree urbane selezionate. Sei bombe atomiche dovevano essere usate per distruggere ciascuna delle città più grandi, incluse Mosca, Leningrado, Tashkent, Kiev, Kharkov, Odessa. Il Pentagono stimò che un totale di 204 bombe atomiche sarebbero state necessarie per “cancellare l’Unione Sovietica dalla mappa”. Gli obiettivi di un attacco nucleare consistevano in sessantasei grandi città. Per intraprendere questa operazione il numero “ottimale” di bombe necessarie era dell’ordine di 466 (vedi documento sotto)

bombing-soviet-union

russian-cities-to-be-bombed

Una sola bomba atomica lanciata su Hiroshima provocò la morte immediata di 100.000 persone nei primi sette secondi. Immaginate cosa sarebbe successo se 204 bombe atomiche fossero state lanciate sulle principali città dell’Unione Sovietica, come indicato in un piano segreto degli Stati Uniti formulato durante la seconda guerra mondiale. (Michel Chossudovsky, “Wipe the Soviet Union Off the Map”, 204 Atomic Bombs against 66 Major Cities, US Nuclear Attack against USSR Planned During World War II, Global Research, October 27). Il documento che delinea questa diabolica agenda militare era stato pubblicato nel settembre 1945, appena un mese dopo il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki (6 e 9 agosto 1945) e due anni prima dell’inizio della guerra fredda (1947).

Il piano segreto datato 15 settembre 1945 (due settimane dopo la resa del Giappone il 2 settembre 1945 a bordo della USS Missouri, vedi immagine sotto), tuttavia, era stato formulato in un periodo precedente, cioè al culmine della seconda guerra mondiale, in un momento in cui l’America e l’Unione Sovietica erano alleati stretti.

La Guerra con la Russia e la Cina

Le armi nucleari sono state contemplate per essere usate contro la Russia dal 1942, e contro la Cina dall’ottobre 1949. Attualmente, ci sono piani dettagliati dell’esercito statunitense (che sono nel dominio pubblico) per fare la guerra sia contro la Russia che contro la Cina. Sono stati individuati quattro paesi inadempienti, tra cui Cina, Russia, Iran e Corea del Nord. Gli scenari della terza guerra mondiale sono stati contemplati dal Pentagono per più di dieci anni. Sono oggetto di simulazioni militari (che sono classificate). Trapelato al Washington Post nel 2006, vedi lo scenario di guerra globale Vigilant Shield che utilizza armi nucleari contro Cina, Russia, Iran, Corea del Nord.

Dall’inizio del 2019, la guerra contro la Cina e la Russia è sulla scrivania del Pentagono. L’uso di armi nucleari è contemplato sulla base di un primo colpo preventivo. Recenti rapporti (2015-2018) commissionati dal Pentagono confermano i dettagli dell’agenda militare di Washington contro la Cina e la Russia (vedi i rapporti del progetto War against China della Rand Corporation e la Commissione per la strategia di difesa nazionale del 2018, War against China and Russia. Il 1° marzo 2018 il presidente Vladimir Putin ha svelato una serie di tecnologie militari avanzate in risposta alle rinnovate minacce statunitensi di cancellare la Federazione Russa dalla mappa, come contenuto nella Nuclear Posture Review 2018 di Trump.

Di seguito una rassegna di piani di guerra dettagliati contro la Russia e la Cina. Questi piani sono nel dominio pubblico. Si basano sulla premessa che gli Stati Uniti possono vincere una guerra nucleare. Nel maggio 2014, il Russian Aggression Prevention Act (RAPA) è stato introdotto nel Senato degli Stati Uniti (S 2277), chiedendo la militarizzazione dell’Europa orientale e degli Stati baltici e lo stazionamento di truppe USA e NATO alle porte della Russia:

S.2277 – Russian Aggression Prevention Act. 2014

Impegna il presidente a: (1) attuare un piano per aumentare il sostegno degli Stati Uniti e della NATO alle forze armate di Polonia, Estonia, Lituania e Lettonia, e altri Stati membri della NATO; e (2) dirigere il rappresentante permanente degli Stati Uniti alla NATO per cercare di prendere in considerazione la possibilità di basare permanentemente le forze della NATO in tali paesi.

Nel 2018: il rapporto della Commissione per la strategia di difesa nazionale degli Stati Uniti intitolato “Providing for the Common Defense” delinea i contorni di una guerra con la Russia.

screen-shot-2018-12-14-at-10.18.13

Il succo del rapporto è che “la pace e la stabilità globale” e “la sicurezza, la prosperità e la leadership globale dell’America” sono minacciate da Russia e Cina. In tutta l’Eurasia, l’aggressione della zona grigia sta costantemente minando la sicurezza degli alleati e dei partner statunitensi ed erodendo l’influenza americana. Gli equilibri militari regionali in Europa orientale, Medio Oriente e Pacifico occidentale si sono spostati in modi decisamente negativi. Ciò che il rapporto raccomanda è la condotta di un’azione “preventiva” sia contro la Cina che contro la Russia, al fine di sostenere la superiorità militare degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno bisogno di qualcosa di più di nuove capacità; hanno urgente bisogno di nuovi concetti operativi che espandano le opzioni degli Stati Uniti e limitino quelle di Cina, Russia e altri attori. Mentre il rapporto descrive un possibile scenario di guerra con la Russia o la Cina, raccomanda un notevole aumento del bilancio militare degli Stati Uniti. Una raccomandazione che è attualmente portata avanti dal presidente Trump.

Scenario di guerra con la Cina

Nel 2015, un rapporto dettagliato della Rand Corporation commissionato dall’esercito degli Stati Uniti delinea uno scenario di guerra con la Cina.

screen-shot-2016-08-05-at-11.55.561-1024x439-1

screen-shot-2016-08-05-at-11.59.021-1024x279-1

Secondo il rapporto Rand: mentre una volta sembrava probabile una chiara vittoria degli Stati Uniti, è sempre più probabile che un conflitto possa comportare combattimenti inconcludenti con forti perdite da entrambe le parti. Gli Stati Uniti non possono aspettarsi di controllare un conflitto che non possono dominare militarmente.

Attaccare la Cina preventivamente (“Per autodifesa”)

Il rapporto è notoriamente ambiguo. Si concentra su come una guerra può essere evitata, mentre analizza le circostanze in cui una guerra preventiva contro la Cina sia una vittoria per gli Stati Uniti: il presupposto di questo rapporto è che la Cina ci sta minacciando, il che giustifica la guerra preventiva. Tuttavia, non ci sono prove di una minaccia militare cinese. Lo scopo del rapporto RAND è che i politici cinesi lo leggano. Quello con cui abbiamo a che fare è un processo di intimidazione militare che include velate minacce. Mentre il pubblico principale di questo studio è la comunità politica degli Stati Uniti, sperano anche che i politici cinesi pensino a possibili corsi e conseguenze di una guerra con gli Stati Uniti, compresi i potenziali danni allo sviluppo economico della Cina e le minacce all’equilibrio e alla coesione della Cina. Troviamo poco di pubblico dominio per indicare che la leadership politica cinese ha dato a questa questione l’attenzione che merita.

Il Rapporto delinea “quattro scenari analitici” su come potrebbe essere condotta una guerra con la Cina. Il percorso della guerra potrebbe essere definito principalmente da due variabili: intensità (da lieve a grave) e durata (da pochi giorni a un anno o più). Così, analizziamo quattro casi: breve e grave, lungo e grave, breve e lieve, e lungo e lieve. Il principale fattore determinante dell’intensità è se, all’inizio, i leader politici statunitensi e cinesi concedono o negano ai rispettivi militari il permesso di eseguire i loro piani per attaccare le forze avversarie senza esitazione. I commenti conclusivi del rapporto sottolineano la potenziale debolezza della Cina in relazione alle forze alleate degli Stati Uniti “…non indicano il dominio o la vittoria cinese”.

Il rapporto crea una narrazione di guerra ideologica. È difettoso in termini di comprensione della guerra moderna e dei sistemi di armi. È in gran parte una manovra di propaganda diretta contro la leadership cinese. Ignora totalmente la storia cinese e le percezioni militari della Cina che sono in gran parte basate sulla difesa dei confini nazionali storici della nazione. Mentre gli Stati Uniti, secondo il rapporto, non contemplano l’uso di armi nucleari, il rapporto esamina le circostanze in cui la Cina potrebbe usare le armi nucleari contro gli Stati Uniti per evitare la sconfitta:

Così, non si può escludere del tutto che la leadership cinese decida che solo l’uso di armi nucleari possa impedire la sconfitta totale e la distruzione dello stato. Tuttavia, anche in queste condizioni disperate, il ricorso alle armi nucleari non sarebbe l’unica opzione della Cina: Potrebbe invece accettare la sconfitta. Infatti, poiché la ritorsione nucleare degli Stati Uniti renderebbe la distruzione dello stato e il collasso del paese ancora più certi, accettare la sconfitta sarebbe un’opzione migliore (a seconda della gravità dei termini statunitensi) rispetto all’escalation nucleare. Questa logica, insieme alla radicata politica cinese di non primo uso, suggerisce che il primo uso cinese è molto improbabile. (p. 30)

In altre parole, la Cina ha l’opzione di essere totalmente distrutta o di arrendersi agli Stati Uniti. Il rapporto si conclude come segue. In poche parole, nonostante le tendenze militari che la favoriscono, la Cina non potrebbe vincere, e potrebbe perdere, una grave guerra con gli Stati Uniti nel 2025, soprattutto se prolungata. Inoltre, i costi economici e i pericoli politici di una tale guerra potrebbero mettere in pericolo la stabilità della Cina, porre fine al suo sviluppo e minare la legittimità dello stato. (p 68)

Guerra non convenzionale (UW- Unconventional warfare)

Incluso nell’arsenale del Pentagono è l’utilizzo di vari strumenti di sovversione, compreso il sostegno alle insurrezioni terroristiche, come delineato nel manuale di guerra non convenzionale delle Forze di Operazioni Speciali dell’esercito (trapelato da Wikileaks). L’enfasi è sull’uso di “surrogati”, cioè forze irregolari, entità terroristiche non statali e paramilitari che faranno il lavoro sporco per noi: L’UW [Unconventional Warfare] deve essere condotta da, con o attraverso surrogati; e tali surrogati devono essere forze irregolari. Inoltre, questa definizione è coerente con le ragioni storiche per cui gli Stati Uniti hanno condotto l’UW. L’UW è stata condotta a sostegno sia di un’insurrezione, come i Contras nel Nicaragua degli anni ’80, sia di movimenti di resistenza per sconfiggere una potenza occupante, come i Mujahideen nell’Afghanistan degli anni ’80. L’UW è stato anche condotto a sostegno di operazioni militari convenzionali in corso o in sospeso (p. 1-2) Lo scopo dichiarato delineato nell’Army Field Manual è di usare l’UW per sostenere “insurrezioni” e “movimenti di resistenza”. La “guerra al terrorismo” (WAT) è anche definita come parte dell’arsenale UW:

“L’UW rimane un mezzo duraturo ed efficace per combattere la guerra ed è riconosciuto come uno sforzo centrale nella WOT…

L’ARSOF e cioè le forze speciali dell’esercito “sostengono il WOT fornendo forze addestrate ed equipaggiate”.

Il rapporto si concentra sull’uso delle forze speciali che sono integrate nel tessuto della Guerra al Terrorismo (WOT). Ciò che significa in pratica è l’elaborazione dell’embedding delle forze USA-NATO nelle insurrezioni terroristiche affiliate ad Al Qaeda in Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, ecc. La Unconventional Warfare (UW) si estende anche nel regno della manipolazione finanziaria, atti di sabotaggio, cyberwarfare, ecc. Il Manuale da campo dell’esercito sulla UW dettaglia e condona anche gli strumenti di guerra irregolare (IW) che possono ricorrere ad attività illegali come l’Iran-Contra: “Attività criminali transnazionali, tra cui il narcotraffico, il traffico illecito di armi e le transazioni finanziarie illegali, che supportano o sostengono l’IW”.

Il movimento contro la guerra: Come invertire la tendenza

Secondo la Conferenza di Firenze del 7 aprile 2019, Stop NATO, le azioni concrete consisterebbero in:

– chiedere il ritiro dalla NATO da parte dei 29 stati membri che porti all’abolizione della NATO.

– la chiusura delle basi e delle strutture militari statunitensi in tutti gli stati membri della NATO

– il ritiro di tutto il personale militare americano dai paesi membri della NATO

– l’abrogazione dei pagamenti dei paesi membri della NATO per il finanziamento delle basi e delle strutture militari statunitensi

– il congelamento dei bilanci militari, riassegnando le risorse a programmi sociali civili.

Il movimento di massa integrerebbe la protesta contro la guerra con la campagna contro la gamma di riforme economiche neoliberiste. Per raggiungere questi obiettivi, ciò che è necessario è lo sviluppo di un’ampia rete di base che cerchi di disattivare i modelli di autorità e di decisione relativi alla guerra e all’economia. Questo non è affatto un’impresa facile e diretta. Le ONG finanziate da Wall Street controllano una varietà di “movimenti di protesta”. Dalla guerra in Iraq (2003) il movimento contro la guerra è praticamente inesistente.

Questa rete sarebbe stabilita a livello nazionale e internazionale a tutti i livelli della società, città e villaggi, luoghi di lavoro, parrocchie. Sindacati, organizzazioni di agricoltori, associazioni professionali, associazioni di imprese, sindacati di studenti, associazioni di veterani, gruppi ecclesiali sarebbero chiamati a integrare la struttura organizzativa contro la guerra. Di cruciale importanza, questo movimento dovrebbe estendersi alle Forze Armate come mezzo per rompere la legittimità della guerra sia all’interno della struttura di comando che tra gli uomini e le donne di servizio.

Un compito correlato (come priorità) sarebbe quello di disabilitare la propaganda di guerra attraverso una campagna efficace contro la disinformazione dei media. (compreso il sostegno ai media indipendenti e alternativi online). Questo non è un compito facile, data l’ondata di censura contro la libertà di parola, così come la manipolazione online dei motori di ricerca e dei riferimenti dei social media. Ciò che deve essere raggiunto come prima priorità è lo smantellamento dell’apparato di propaganda che sostiene la legittimità della guerra e del neoliberismo.A questo proposito, i media indipendenti hanno fallito. Le strutture di potere dietro i media mainstream, i social media, ecc. devono essere affrontate.

Senza questa rete di disinformazione mediatica, i criminali di guerra nelle alte cariche non avrebbero le gambe su cui poggiare. Attenzione, però, al flusso di idee che proviene da varie ONG presunte progressiste e “intellettuali di sinistra” che sono spesso finanziati da fondazioni dell’establishment. Queste sono le entità che organizzano i cosiddetti movimenti di protesta, generosamente finanziati da fondazioni aziendali.

Gli intellettuali non dovrebbero essere la forza trainante di un movimento mondiale contro la guerra. Ciò che è necessario è una democratizzazione della ricerca e dell’analisi che servirebbe a sostenere un movimento di massa dal basso. La complessità del sistema globale (le sue dimensioni militari, economiche e politiche) deve essere compresa dalla base del movimento. I cambiamenti all’interno dell’esercito, della sicurezza, dell’intelligence e delle forze dell’ordine sono necessari per democratizzare le strutture di comando. Anche la democratizzazione dell’apparato decisionale della polizia e delle forze dell’ordine è qualcosa da contemplare. Vale la pena ricordare che mentre milioni di persone in tutto il mondo si sono riunite sotto la bandiera del “riscaldamento globale” e del cambiamento climatico, le guerre di oggi, tra cui Siria, Yemen, Iraq, Afghanistan e Venezuela non sono menzionate. Né vengono menzionati i pericoli di una terza guerra mondiale. Anche la questione della povertà globale e della disoccupazione risultante dall’imposizione delle riforme neoliberali è messa da parte. E l’apparato di polizia sta reprimendo il movimento dei Gilet Gialli.C’è anche la questione inespressa riguardante gli “intellettuali di sinistra” che sono spesso cooptati per giocare con le guerre umanitarie USA-NATO, tra cui la Jugoslavia (1999), l’Afghanistan (2001), per non parlare della Siria (2011) e della Libia (2011). Mentre il cambiamento climatico è una preoccupazione legittima, perché questi movimenti di protesta sono limitati al riscaldamento globale. La risposta è che molte delle organizzazioni chiave coinvolte sono generosamente finanziate da fondazioni di Wall Street tra cui i Rockefeller, Tides, Soros, ecc. Gli attori di Wall Street della guerra e del neoliberismo stanno finanziando il dissenso contro Wall Street. È quello che chiamerei “dissenso fabbricato”.

Sfidare i media mainstream

I media dovrebbero essere sfidati direttamente, comprese le principali testate giornalistiche, che sono responsabili di incanalare la disinformazione nella catena delle notizie. Questo sforzo richiederebbe un processo parallelo a livello di base, di sensibilizzazione ed educazione dei cittadini sulla natura della guerra e della crisi globale, così come un’efficace “diffusione della parola” attraverso una rete avanzata, attraverso media alternativi su internet, ecc. Richiederebbe anche un’ampia campagna contro i motori di ricerca coinvolti nella censura dei media per conto del Pentagono.

La creazione di un tale movimento, che sfida con forza la legittimità delle strutture dell’autorità politica, richiede un grado di solidarietà, unità e impegno senza precedenti nella storia mondiale. Richiederebbe di abbattere le barriere politiche e ideologiche all’interno della società e di agire con una sola voce. Richiederebbe anche, alla fine, di destituire i criminali di guerra nelle alte cariche e di incriminarli per crimini di guerra.

Abbandonare il campo di battaglia: Rifiutarsi di combattere

Il giuramento militare fatto al momento dell’arruolamento richiede un sostegno inflessibile e la fedeltà alla Costituzione degli Stati Uniti, mentre richiede anche che le truppe americane obbediscano agli ordini del loro presidente e comandante in capo:

“Io, ____________, giuro solennemente (o affermo) che sosterrò e difenderò la Costituzione degli Stati Uniti contro tutti i nemici, stranieri e nazionali; che sarò fedele e leale alla stessa; e che obbedirò agli ordini del Presidente degli Stati Uniti e agli ordini degli ufficiali nominati sopra di me, secondo i regolamenti e il Codice uniforme di giustizia militare. Che Dio mi aiuti”.

Il presidente e comandante in capo Donal Trump ha palesemente violato tutti i principi del diritto interno e internazionale. Così che fare un giuramento di “obbedire agli ordini del Presidente” equivale a violare piuttosto che difendere la Costituzione degli Stati Uniti.

“Il Codice Uniforme di Giustizia Militare (UCMJ) 809.ART.90 (20), chiarisce che il personale militare deve obbedire al “legittimo comando del suo ufficiale superiore”, 891.ART.91 (2), al “legittimo ordine di un warrant officer”, 892.ART.92 (1) al “legittimo ordine generale”, 892.ART.92 (2) “ordine legittimo”. In ogni caso, il personale militare ha l’obbligo e il dovere di obbedire solo agli ordini legittimi e anzi ha l’obbligo di disobbedire agli ordini illegali, compresi gli ordini del presidente che non rispettano l’UCMJ. L’obbligo morale e legale è verso la Costituzione degli Stati Uniti e non verso coloro che emetterebbero ordini illegali, specialmente se questi ordini sono in diretta violazione della Costituzione e dell’UCMJ”. (Lawrence Mosqueda, An Advisory to US Troops A Duty to Disobey All Unlawful Orders, (http://www.globalresearch.ca/articles/MOS303A.html,)

Vedi anche Michel Chossudovsky, “We the People Refuse to Fight”: Abbandonate il campo di battaglia! 18 marzo 2006 )

Quando il Comandante in Capo è un criminale di guerra.

Secondo il principio 6 della Carta di Norimberga:

“Il fatto che una persona [ad esempio le truppe della coalizione] abbia agito su ordine del suo governo o di un superiore non lo esime dalla responsabilità secondo il diritto internazionale, a condizione che una scelta morale fosse effettivamente possibile per lui.”

Rendiamo questa “scelta morale” possibile, ai militari americani arruolati e ai militari della coalizione USA-NATO. Disobbedite agli ordini illegali! Abbandonare il campo di battaglia! … Rifiutate di combattere in una guerra che viola palesemente il diritto internazionale. Ma questa non è una scelta che gli uomini e le donne arruolati possono fare individualmente. È una scelta collettiva e sociale, che richiede una struttura organizzativa.

Su tutto il territorio del Nord America, dell’Europa occidentale e orientale e in tutti i paesi della coalizione NATO, il nuovo movimento contro la guerra deve aiutare gli uomini e le donne arruolati a rendere possibile questa scelta morale, ad abbandonare il servizio militare nelle basi militari statunitensi in tutto il mondo, così come nel campo di battaglia nell’Iraq occupato e in Afghanistan, così come in Siria e nello Yemen.

Questo non sarà un compito facile. Comitati a livello locale devono essere istituiti negli Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Francia, Italia, Giappone, tra gli altri paesi, che hanno truppe impegnate in operazioni militari guidate dagli USA. Chiediamo alle associazioni dei veterani e alle comunità locali di sostenere questo processo. I militari della coalizione USA-NATO, compresi gli alti ufficiali, sono vittime della propaganda interna. Questo movimento deve smantellare la campagna di disinformazione interna. Deve invertire efficacemente l’indottrinamento delle truppe della coalizione, che sono portate a credere che stanno combattendo “una guerra giusta”: “una guerra contro i terroristi”, una guerra contro i russi, che minacciano la sicurezza dell’America. Deve anche, come detto prima, “democratizzare” le strutture di comando. La legittimità dell’autorità militare statunitense deve essere spezzata.

Cosa si deve ottenere:

– Rivelare la natura criminale di questo progetto militare,

– svelare una volta per tutte le bugie e le falsità che sostengono il “consenso politico” in favore di una guerra nucleare per difesa preventiva

– rompere la legittimazione delle alte cariche guerrafondaie

– smantellare l’avventura militare degli USA e dei loro sponsor delle corporations globali

– chiedere il rientro delle truppe

– abolire l’illusione che lo Stato sia impegnato a proteggere i suoi cittadini.

– sostenere la verità sull’11 settembre. Rivelare le falsità dietro l’11 settembre che sono usate per giustificare la guerra in Medio Oriente e Asia Centrale sotto la bandiera della “Guerra Globale al Terrorismo” (GWOT)

– esporre come una guerra guidata dal profitto serva gli interessi acquisiti delle banche, degli appaltatori della difesa, dei giganti del petrolio, dei giganti dei media e dei conglomerati biotecnologici

– sfidare i media mainstream che deliberatamente offuscano le cause e le conseguenze di questa guerra,

– rivelare e prendere coscienza del non detto e tragico risultato di una guerra condotta con armi nucleari.

– chiedere lo smantellamento della NATO

– attuare la persecuzione dei criminali di guerra nelle alte cariche

– chiudere gli impianti di assemblaggio delle armi e attuare la preclusione dei principali produttori di armi

– chiudere tutte le basi militari statunitensi negli Stati Uniti e nel mondo

– sviluppare un movimento contro la guerra all’interno delle forze armate e stabilire ponti tra le forze armate e il movimento civile contro la guerra

– fare pressione con forza sui governi dei paesi NATO e non-NATO affinché si ritirino dall’agenda militare globale guidata dagli USA.

– sviluppare un coerente movimento contro la guerra in Israele. Informare i cittadini di Israele delle probabili conseguenze di un attacco USA-NATO-Israele all’Iran.

– affrontare i gruppi di pressione a favore della guerra, compresi i gruppi pro-Israele negli Stati Uniti.

– smantellare lo stato di sicurezza interna, chiedere l’abrogazione della legislazione PATRIOT

– chiedere la rimozione dei militari dall’applicazione civile della legge. Negli Stati Uniti, chiedere l’applicazione della legge Posse Comitatus

– chiedere la demilitarizzazione dello spazio esterno e l’abrogazione di Star Wars

– chiedere il congelamento dei bilanci militari e la riallocazione delle risorse a favore dell’economia civile

La gente in tutta la terra, a livello nazionale e internazionale, deve mobilitarsi contro questa diabolica agenda militare, l’autorità dello Stato e i suoi funzionari devono essere sfidati con forza. La guerra può essere impedita se la gente affronta con forza i propri governi, fa pressione sui propri rappresentanti eletti, si organizza a livello locale in città, villaggi e comuni, sparge la voce, informa i propri concittadini sulle implicazioni di una guerra nucleare, avvia il dibattito e la discussione all’interno delle forze armate. Ciò che è richiesto è lo sviluppo di un’ampia e ben organizzata rete di base contro la guerra che metta in discussione le strutture del potere e dell’autorità, la natura del sistema economico, le grandi quantità di denaro usate per finanziare la guerra, la dimensione pura e semplice della cosiddetta industria della difesa. Ciò che è necessario è un movimento di massa di persone che contesti con forza la legittimità della guerra, un movimento popolare globale che criminalizzi la guerra.

Ciò che è necessario è rompere la cospirazione del silenzio, esporre le bugie e le distorsioni dei media, affrontare la natura criminale dell’amministrazione statunitense e dei governi che la sostengono, la sua agenda di guerra così come la sua cosiddetta “agenda della sicurezza interna” che ha già definito i contorni di uno Stato di polizia. Il mondo è al crocevia della più grave crisi della storia moderna. Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno intrapreso un’avventura militare, “una lunga guerra”, che minaccia il futuro dell’umanità.

È essenziale portare il progetto di guerra degli Stati Uniti in primo piano nel dibattito politico, in particolare in Nord America e in Europa occidentale. I leader politici e militari che si oppongono alla guerra devono prendere una posizione ferma, dall’interno delle loro rispettive istituzioni. I cittadini devono prendere posizione individualmente e collettivamente contro la guerra.

Invitiamo le persone in tutta la terra, in Nord America, Europa occidentale, Israele, mondo arabo, Turchia e in tutto il mondo a sollevarsi contro questo progetto militare, contro i loro governi che sostengono le guerre condotte da USA e NATO, contro i media corporativi che servono a camuffare gli impatti devastanti della guerra moderna.

L’agenda militare sostiene un sistema economico globale distruttivo guidato dal profitto che impoverisce ampi settori della popolazione mondiale.

Questa guerra è pura follia. La menzogna deve essere esposta per quello che è e per quello che fa.

Essa sancisce l’uccisione indiscriminata di uomini, donne e bambini. Distrugge famiglie e persone. Distrugge l’impegno delle persone verso i loro simili. Impedisce alle persone di esprimere la loro solidarietà per coloro che soffrono. Sostiene la guerra e lo stato di polizia come unica via. Distrugge il nazionalismo e l’internazionalismo.

Rompere la menzogna significa rompere un progetto criminale di distruzione globale, in cui la ricerca del profitto è la forza prevalente. Questa agenda militare guidata dal profitto distrugge i valori umani e trasforma le persone in zombie inconsapevoli. Invertiamo la tendenza. Sfidiamo i criminali di guerra nelle alte cariche e le potenti lobby aziendali che li sostengono. Rompiamo l’inquisizione statunitense. Rompere la menzogna significa rompere un progetto criminale di distruzione globale, in cui la ricerca del profitto è la forza prevalente.

Questa agenda militare guidata dal profitto distrugge i valori umani e trasforma le persone in zombie inconsapevoli.

Invertiamo la tendenza. Sfidiamo i criminali di guerra nelle alte cariche e le potenti lobby corporative che li sostengono. Rompiamo l’inquisizione americana. Miniamo la crociata militare USA-NATO-Israele. Chiudiamo le fabbriche di armi e le basi militari. Riportiamo a casa le truppe. I membri delle forze armate dovrebbero disobbedire agli ordini e rifiutarsi di partecipare a una guerra criminale.

[parte di questa sezione è stata scritta nel 2010].

Il Prof. Michel Chossudovsky, è un autore premiato, professore di economia (emerito) all’Università di Ottawa, fondatore e direttore del Centre for Research on Globalization (CRG), Montreal, editore di Global Research. Ha insegnato come visiting professor in Europa occidentale, nel sud-est asiatico, nel Pacifico e in America Latina. È stato consigliere economico di governi di paesi in via di sviluppo e ha agito come consulente per diverse organizzazioni internazionali. È autore di undici libri, tra cui The Globalization of Poverty and The New World Order (2003), America’s “War on Terrorism” (2005), The Global Economic Crisis, The Great Depression of the Twenty-first Century (2009) (Editor), Towards a World War III Scenario: The Dangers of Nuclear War (2011), The Globalization of War, America’s Long War against Humanity (2015). È un collaboratore dell’Enciclopedia Britannica. I suoi scritti sono stati pubblicati in più di venti lingue. Nel 2014, è stato premiato con la Medaglia d’Oro al Merito della Repubblica di Serbia per i suoi scritti sulla guerra di aggressione della NATO contro la Jugoslavia. Può essere raggiunto all’indirizzo crgeditor@yahoo.com.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: